L’A.V.I. è la prima associazione vegetariana fondata in Italia. Nasce il 12 settembre 1952 a Perugia con il nome di Società Vegetariana fondata da Aldo Capitini, politico e filosofo della nonviolenza nota per aver importato in Italia il pensiero pacifista di Ghandi. Alla sua morte, avvenuta nel 1968, la Società Vegetariana trasferisce la sua sede a Milano e cambia il nome in Associazione Vegetariana Italiana (A.V.I.).

A.V.I. è strutturata a livello nazionale in Sezioni e Delegazioni e affiliata alla International Vegetarian Union e a SAFE, associazione di Lobbying per i diritti dei vegetariani e vegani in Europa.

Mission dell’Associazione è quella di riunire e rappresentare tutti i vegetariani (e gli aspiranti tali) italiani, far conoscere gli aspetti etici e dietetici del vegetarismo ed esserne un punto di riferimento. 
Senza dogmi né fanatismi, da più di 60 anni A.V.I. tutela i diritti dei vegetariani, promuove campagne sulla libertà di scelta alimentare e favorisce iniziative tendenti a preservare e mantenere l’ambiente naturale.
È inoltre impegnata ad eliminare ogni sorta di crudeltà nei confronti degli animali e a creare attività concrete sul territorio che siano occasioni di incontro e dibattito, con l’obiettivo di espandere a sempre più persone la consapevolezza del vegetarismo.

CHI SONO I VEGETARIANI?

I vegetariani sono persone determinate a salvaguardare la vita in tutte le sue manifestazioni che quindi, coerentemente, non si nutrono né di carne né di pesce né di alimenti contenenti prodotti che derivano dall’ uccisione degli animali (non ci cibiamo ad esempio, di formaggi realizzati con caglio di origine animale o di prodotti realizzati con strutto perché entrambi prevedono la soppressione dell’animale).

“Essere vegetariani è un atto di affetto e rispetto per molti esseri viventi, che non vengono più sottoposti all’uccisione per trarne le loro carni. Quindi è ampliamento dell’unità amore. La decisione vegetariana, sulla base di interiore persuasione, deve sottrarsi al peso dell’abitudine, del tradizionalismo inerte, del conformismo, del gusto del piacere (e il vegetarismo non trova poi piacere nella sua alimentazione?).
Il vegetarismo aiuta a comprendere il valore dei nostri atti. Mentre abitualmente non si pensa che il mangiare possa avere altro valore che utilitario, ecco che con il vegetarismo noi vediamo che esso non è più strettamente utilitario, perché vi è stato messo dentro uno scrupolo, e un’attenzione affettuosa. Si ricordi anche che il vegetarismo richiede slancio, fede, appassionamento, senza cui non fa nulla né di piccolo né di grande”. ALDO CAPITINI (filosofo e fondatore di A.V.I.)

COSA FACCIAMO?

• Promuoviamo la cultura vegetariana attraverso la partecipazione a show cooking, fiere, dibattiti e conferenze e diffondendo i vantaggi del vegetarismo e della corretta alimentazione vegetariana.
• Siamo un punto di riferimento per coloro che vogliono approcciarsi allo stile di vita vegetariano. Abbiamo a disposizione opuscoli, libri sul vegetarismo, libri di ricette e una lunga lista di professionisti del settore (medici, nutrizionisti, biologi, chef, etc..) pronti a rispondere ad ogni vostra esigenza
• Collaboriamo e forniamo consulenza ad aziende nel settore della ristorazione per l’introduzione di nuovi prodotti e nuove ricette cruelty-free.
• Partecipiamo al dibattito internazionale per affermazione del vegetarismo in Europa. Siamo membri di E.V.U. European Vegetarian Union e di SAFE, Safe Food Advocacy Europe, un istituzione con sede a Bruxelles con la quale abbiamo intrapreso un lungo percorso di affermazione dei diritti dei vegetariani e vegani in Europa attraverso attività di lobbying.
• Disponiamo di due marchi: V-Label, riconosciuto in tutto il mondo e Qualità Vegetariana, l’unico marchio in Italia marchio che viene concesso a seguito di una certificazione rilasciata da un ente certificatore indipendente, la CSQA.